Blog

tecniche tennis

Come allenare le tecniche di Nadal e Federer

Preparatevi con Alex!

L’emozione della finale tra Rafael Nadal e Roger Federer agli Australia Open 2017 è ancora viva. Sui nostri campi puoi ritrovare le tecniche, la disciplina e i modelli di gioco di questi due grandi campioni che ti sveliamo qui, nei minimi dettagli, grazie al nostro preparatore atletico Alex Ciuffa!

Alex, lo scontro tra Federer Nadal è stato denominato un duello, proprio per essere andato oltre il tennis convenzionale. La varietà e la destrezza di colpi portati allo stremo, ogni incontro riscrive la storia del tennis alzandone l’asticella: l’uno costringe l’altro ad andare oltre il proprio gioco ed è lì lo spettacolo.

Melbourne 2017 ha consacrato il genio di Federer ma ha anche riaperto la sfida tra due stili di gioco molto diversi che si modificano reciprocamente e che non smettono di stupire.

Sì, all’inizio Federer voleva vincere Nadal con la sua superiorità da talentuoso e professionista ma ha trovato un ostacolo molto resiliente che lo ha portato a modificare il suo gioco. Non accettava che Nadal potesse intaccare il suo genio ed indurlo a modificare il suo stile imbattibile ma alla fine ha dovuto adattarlo, almeno in parte, a quello di un altro campione.

Come ha modificato il suo gioco?

Intanto ha cambiato la racchetta con cui ha giocato gran parte della sua carriera: dall’ ovale piccolo, peso elevato che gli permetteva un forte controllo ma una minore spinta e potenza è passato ad un ovale più grande, di 97 pollici per un tennis più aggressivo, simile ai 100 pollici di Nadal. Ha modificato la sua posizione da fondo campo.

A Melbourne la differenza l’ha fatta il rovescio di Federer, giocato lungolinea e i pochi slice back.

Puoi spiegarci le differenze di gioco tra i due campioni?

Federer è aria, Nadal è terra. Il primo è aria delle montagne svizzere e ne porta con sé la precisione, il contegno e l’autocontrollo insieme alla classe e all’eleganza; il secondo è sole, sudore, dedizione e passione, richiami di una Spagna assolata dove è nato.

La distinzione si traduce tutta poi nel modo di giocare su terra battuta, del maiorchino rispetto a quello sui campi in erba e cemento a cui è abituato la sua antitesi, Federer.

Federer gioca d’attacco a rete e ed è offensivo, Nadal gioca di difesa, Federer è destro, Nadal è mancino e fa il rovescio a due mani, al contrario di Federer. La palla battuta da Nadal ha una velocissima rotazione di 4.500/5.000 rpm mentre la palla di Roger è più rettilinea e raggiunge più velocemente il campo.

Quali differenze difensive comporta?

Una palla che rotea così velocemente come quella di Nadal rimbalza altissima e ha costretto Federer a giocare il suo rovescio, a una mano, al di sopra della spalla, posizione che richiede uno sforzo incredibile nella capsula articolare della spalla.

Ha quindi modificato il suo rovescio aggressivo preferendo un coperto in topspin, non potendo gestire una palla molto alta rispetto al punto d’impatto ideale.

Da preparatore atletico del tennis al Forum Sport Center, quali esercizi consiglieresti per sviluppare le tecniche di questi due campioni, che siano più da stimolo che da emulazione?

A partire da un tennista IV categoria, che disputa tornei, per allenare un fisico come quello di Nadal, è necessaria una preparazione fisica di base notevole. Rafa è un corridore che rimane 10 set in campo senza mollare.

Inizialmente, raccomando un allenamento di endurance e poi esplosivo con rapidità delle gambe su brevi distanze. Non è importante l’ampiezza degli scatti, un campo da tennis non è molto grande e scatti da 10 metri bastano, ma devono essere ripetitivi, orientati a numerosi scambi.

Bastano: corsa, tapis roulant, percorsi con coppelle e cinesini, spostamenti rapidi in diagonale e verticali con aggiunta di colpi, limitando le pause a 20 secondi, simulando i tempi di gara.

Per potenziare i muscoli e avere le gambe di Nadal che sopportano un peso di 90 kl è necessario fare pesi in palestra, squat con bilancieri, leg press con stacchi esplosivi.

E rispetto al gioco di Federer, quali sono le caratteristiche che si possono allenare?

Il suo è un gioco trasformista e illeggibile che punta più sulle capacità coordinative. Dunque sviluppare equilibrio, differenziazione, reazione e coordinazione dei movimenti. Si apprendono fin da piccoli e gli esercizi più utili vanno effettuati con la palla in movimento sfruttando la bilateralità degli arti.

Un esercizio in particolare: salire sulla bosu, in piedi, in equilibrio e poi simulare e testare i colpi tecnici.

Grazie Alex!

Per allenare il Nadal o il Federer che è in te, trovi Alex tutti i mercoledi dalle 19 alle 20 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa cookie.